fbpx

Alps Tour final 2019

Diciotto tornei dopo, partito dall’Egitto e concluso nel Lazio con la doppia sfida di Terre dei Consoli e del Golf Nazionale, l’Alps tour ha i suoi campioni 2019 e la bandiera italiana sventola alta tra loro. Primo, secondo e quarto posto del ranking, sono rispettivamente di Edoardo Raffaele Lipparelli (nella stagione un titolo in Guadalupa, cinque volte secondo e altre quattro top 10), Enrico Di Nitto (ha vinto il Nazionale Open e si è piazzato nove volte nei primi dieci) e Federico Maccario (sei top 10 stagionali prima di vincere a Roma), che accedono così al Challenge Tour 2020 con categoria piena. Pochi soldi, tanta concorrenza e score sempre più bassi caratterizzano la terza divisione del golf professionistico, quella che fa crescere le stelle di domani, che seleziona subito chi ha le doti per arrivare e chi no. Hanno dimostrato di averle i tre giocatori azzurri, che hanno dato spettacolo anche nel finale romano, con punti raddoppiati e soli cinque posti a disposizione nell’ordine di merito per il passaggio alla categoria superiore. E ce l’hanno fatta. Metà gara in testa per Lipparelli («La costanza di rendimento è la chiave del successo», ha detto), raggiunto poi da Maccario nel terzo round (entrambi terzi), e superato di misura da quest’ultimo nel finale per occupare i due gradini più alti del podio. Con l’ultimo dei sei birdie alla 72esima buca e uno score di 274 (-14), anche Federico Maccario entra così nei top cinque.

Silvia Audisio

Photo credit: Tristan Photography